18 Agosto 2016 - Don Gianpiero e i 4.559 mt del Monte Rosa

Postato in Relazioni gite Mountain Bike

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 18 agosto 2016 - Don GianPiero sul Monte Rosa

Anche quest’anno il nostro Prevosto, Don Gianpiero Magni, ha potuto effettuare la sua tradizionale salita in alta quota. Meta scelta è stata la cima del Monte Rosa a 4559 metri dove si erge la Capanna Margherita, rifugio a quota più alta in Europa. Come nei precedenti anni è stato accompagnato da Antonio Colombo, presidente della locale sezione CAI, da alcuni istruttori e alcuni soci della sezione.

Partiti mercoledì 17 agosto da Carate, hanno raggiunto Alagna in Valsesia e con alcuni impianti di risalita sono arrivati a  3200 mt di quota, per salire poi a piedi alla Capanna Gnifetti a 3647 mt dove hanno pernotto. Il giorno seguente, giovedì 18 agosto, sveglia alle ore 4:00 e dopo una frugale ma indispensabile colazione, il gruppo si è preparato per la salita indossando imbragatura e ramponi. Quindi legati in cordata si sono indirizzati verso il vicino ghiacciaio. Alla luce delle pile frontali hanno affrontato una difficile zona, famosa per la presenza di molteplici seracchi, che richiedono una particolare attenzione. Con le prime luci dell’alba hanno percorso il lungo tratto che porta al famoso Colle del Lys (4250 mt), da cui è possibile godere di uno spettacolare panorama che spazia a 360 gradi.

Visibili le diverse cime che fanno parte del gruppo del Monte Rosa, dalla Punta Giordani (4055m) alla Piramide Vincent (4215m), dal Balmenhorn sulla cui cima a 4167 metri, è posto il famoso “Cristo delle Vette” al Corno Nero (4322m), dal Ludwigshohe (4342m) alla Punta Parrot (4436m) ed infine si intravede la Punta Margherita, su cui sorge l’omonimo rifugio e meta della gita a 4559m.

Una breve pausa per riprendere fiato e dopo aver dato un altro sguardo verso il Cervino che si vede in lontananza, si riprende la salita. A questa quota risulta faticoso anche muovere pochi passi a causa della rarefazione dell’aria che porta ad una diminuzione dell’ossigeno. Per questo motivo anche i “soli” 300 metri di dislivello che mancano per raggiungere la cima richiedono a Don Gianpiero e Antonio oltre due ore di cammino, per raggiungere la cima e il rifugio Margherita intorno alle 9:30. Dopo un breve riposo,  hanno cominciato la lunga e impegnativa ma spettacolare discesa verso la Capanna Gnifetti raggiungendola intorno a mezzogiorno, per poi tornare alle auto e quindi ripartiti verso Carate.

Con questa salita Don Gianpiero, in piena forma fisica, ha raggiunto la seconda cima più alta d’Europa e malgrado la normale stanchezza fisica, sta già programmando insieme ad Antonio la prossima meta per il 2017.

.

4 Don Gianpiero in vetta al Monte Rosa. Sullo sfondo il Cervino e i Liskamm 
    Vedi la galleria fotografica

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information