14 luglio 2017. Cultura all'Arena. Il "Rigoletto"

Postato in Relazioni manifestazioni

Logo timbro 80

Venerdì 14 luglio. Cultura all'Arena di Verona. Il "Rigoletto"

Anche quest’anno non è mancato l’appuntamento all’Arena di Verona. L’opera scelta è stata il “Rigoletto”, opera  in 3 atti di Giuseppe Verdi, centrata sulla drammatica e originale figura del buffone di corte Rigoletto.

A questa oramai tradizionale uscita del CAI hanno partecipato come sempre oltre 50 persone tra cui anche il nostro Prevosto Don Gianpiero, appassionato di lirica. Partiti da Carate alle 14,30,  lungo il tragitto hanno fatto la classica sosta “godereccia” per gustare pane e salame. L’opera è stata molto emozionante sia per la scenografia che per la bravura degli interpreti.

Il gruppo è poi rientrato in tarda notte a Carate..

.

 20170714 GruppoArena
Vedi la galleria fotografica della giornata 

6 gennaio 2017 -Villa di Chiavenna. 57° Edizione del Natale Alpino

Postato in Relazioni manifestazioni

 

6 gennaio 2017 -Villa di Chiavenna. 57° Edizione del Natale Alpino

Anche quest’anno la locale sezione del Club Alpino Italiano ha rispettato la tradizione, organizzando la 57° edizione del Natale Alpino. La manifestazione ha come scopo lo scambio interculturale tra la nostra cittadina e i paesi delle montagne a noi vicine. Questa volta la scelta è caduta su Villa di Chiavenna, piccolo paese di poco più di mille abitanti, proprio a ridosso dell’omonima città al bivio tra i passi dello Spluga in Val San Giacomo e del Maloia in Val Bregaglia. Il gruppo di caratesi è partito in prima mattinata dalla sede CAI e con i pullman ha raggiunto Villa di Chiavenna dove è stato accolto dai cittadini locali presso il centro polifunzionale. La bella giornata, anche se fredda, ha permesso agli oltre cento partecipanti di poter sfilare in costumi caratteristici del presepe vivente per le vie del paese. Accompagnati da altre associazioni di Villa, il corteo ha seguito un percorso per le strade di Villa potendo ammirare diverse rappresentazioni di lavori del passato ed in particolare il famoso “Presepio grande”, rappresentazione del tradizionale presepe ma costruito con personaggi in legno a grandezza naturale e con scene caratteristiche della tradizione villese. La sfilata è poi terminata presso la parrocchia di San Sebastiano dove si è svolta la S.Messa officiata dal parroco Don Aldo Passerini. Caratteristica particolare di quest’anno è stata la presenza in chiesa dei figuranti che rappresentavano la Natività. Infatti nel rispetto delle tradizioni, la Sacra Famiglia, ha atteso sull’altare, l’arrivo dei Re Magi che hanno portato i doni al Bambin Gesù. I Magi sono stati accompagnati dai “Cantori della Stella”, gruppo di ragazzi e ragazze del paese che con le lanterne che portavano in mano, stavano a ribadire, quanto ricordato durante l’omelia, l’importanza di camminare insieme nella vita, illuminati da questa luce. A rendere più emozionante la consegna dei doni ci hanno pensato gli zampognari che con la musica emessa da zampogne e pifferi hanno intonato la tradizionale piva. Al termine della S.Messa, i dovuti scambi di auguri tra i presenti. Il Vice-presidente del CAI Meregalli Francesco ha quindi ringraziato tutti quelli che si sono impegnati per la buona uscita della manifestazione a cui hanno partecipato diversi gruppi tra cui le ragazze in costume di Villa, la fanfara, il coro “Eco de Mera”, il coro “Argento”, la “Gogoris Gospel”, i bambini dell’ODP, gli Alpini, il gruppo Presepe. Usciti dalla chiesa, i Magi, accompagnati dalle ragazze in costume villese, hanno visitato alcuni anziani e disabili portando loro un caloroso augurio natalizio. E’ in questa particolare circostanza che prende valore la tradizionale manifestazione del CAI. Un momento di incontro con queste persone che permette uno scambio di emozioni tra i partecipanti e fa capire l’importanza del mantenere ancora vivi certi valori. La giornata si è poi conclusa con il tradizionale pranzo a cui hanno partecipato anche Don Francesco, parroco di Borgonovo,Prosto e Piuro e il sindaco di Villa, Tam Massimiliano, oltre ad una parte dei cittadini villesi. Prima della partenza, il Vice-Presidente e organizzatore del Natale Alpino, Meregalli Francesco , ha consegnato un targa ricordo alla Parrocchia San Sebastiano di Villa e al nostro assessore alla cultura Rigamonti Beatrice che per la prima volta ha partecipato a questa giornata. Sono stati inoltre consegnati i gagliardetti del CAI anche al sindaco Tam e al gruppo Oratorio. Un particolare ringraziamento è stato fatto poi alla signora Snider Silvana che ha programmato e coordinato l’intera giornata permettendo il successo della manifestazione. L’appuntamento è quindi per la prossima Epifania nel 2018 con la 58° edizione del Natale Alpino.

 
foto 
     Vedi la galleria fotografica della giornata

23 Ottobre 2016 - Posa della targa in ricordo di Elio Vergani sul Monte Due Mani

Postato in Relazioni manifestazioni

logo novantesimo vert 

23 Ottobre 2016 - Posa della targa in ricordo di Elio Vergani sul Monte Due Mani

Non è stato sufficiente il meteo sfavorevole di domenica 23 ottobre a fermare gli amici e soci del CAI di Carate Brianza che insieme ai più intimi familiari di Elio Vergani, si sono recati sul Monte Due Mani in Valsassina. Scopo di questo incontro, esattamente nel luogo dove Elio perse la vita in seguito ad un arresto cardiaco esattamente il 6 giugno dello scorso anno, è stato quello di porre una piccola targa a suo ricordo. Presenti a questa manifestazione la moglie Marilena, la figlia Cinzia e il fratello Enrico che ha preparato la targa su cui sono state incisi alcuni suoi pensieri. Insieme ai familiari anche un nutrito gruppo di escursionisti caratesi arrivati seguendo il sentiero che da Ballabio porta alla cima. Durante la cerimonia, celebrata dal nostro prevosto Don Gianpiero, sono arrivati anche allievi e istruttori del CAI, partecipanti al corso ferrate, dopo aver salito la ferrata “Simone, Contessi” che porta esattamente al luogo della posa della targa. Il corso ferrate viene dedicato a Elio, che  ne è stato uno dei più fervidi organizzatori. Malgrado l’autunnale pioggerellina, Don Gianpiero ha officiato la cerimonia con un momento di preghiera e raccoglimento tra i presenti. Dopo aver letto il Vangelo, ne ha commentato i diversi passaggi con accenni ad Elio e a quanto fatto da lui nel CAI. Anche il presidente del CAI Colombo Antonio, ha ricordato l’amico scomparso ribadendo che il ricordo di Elio e quanto da lui fatto rimarrà indelebile per gli amici del CAI. Durante la funzione, Enrico, il fratello di Elio, ha letto quanto scritto sulla targa tra cui un pensiero che ricorda il fratello maggiore quale guida importante per la sua crescita nella vita.

 foto

foto

     Vedi la galleria fotografica della giornata

12 maggio 2016 -6° edizione con le "Serate Astrofile"

Postato in Relazioni manifestazioni

 

12 maggio 2016 -6° edizione con le "Serate Astrofile"

Serata con molti partecipanti quella di giovedì scorso in sede Cai dedicata all’astronomia. Il nostro socio Angelo Longoni con i suoi aiutanti, quest’anno ci ha illustrato il segreto delle “stelle cadenti”. Viste fin dall’inizio dell’osservazione e dello studio del cielo, hanno avuto significati differenti nelle diverse culture, senza però sapere la loro origine. Solo nel corso del XIX secolo sono state riconosciute come gli effetti visivi delle caduta di materiale spaziale che la Terra incontra nel suo moto. Angelo ha fatto rivivere ai presenti le credenze e le leggende antiche, fino ad arrivare alla storia recente e al significato oggi attribuito. E poiché la loro visione, sia pur non rara, costituisce uno spettacolo affascinante sono state fornite le indicazioni e le mappe necessarie per l’osservazione degli sciami meteorici principali così da poter godere di "Un anno di stelle cadenti". C’è la possibilità che, in data ancora da definire, si possa andare insieme a vedere dal vivo uno di questi spettacoli.

 
Un anno di stelle cadenti 
     

6 gennaio 2015 - 56° Natale Alpino ad Albaredo

Postato in Relazioni manifestazioni

E' arrivata alla sua 56° edizione la storica manifestazione del Natale Alpino organizzata dalla locale sede del CAI, che ha come scopo uno scambio culturale tra la nostra cittadinanza e alcuni piccoli paesi montani. Quest’anno la località scelta è stata Albaredo per San Marco, paesino di 350 persone situato sul versante orobico della Valtellina e già nostra meta negli anni passati. Gli oltre 100 partecipanti partiti da Carate di prima mattina, hanno raggiunto il centro di Albaredo accolti dagli amici del paese, in primis dal sindaco Antonella Furlini e dal vicesindaco Patrizio Del Nero, parti attive dell'esemplare organizzazione di questo importante evento. Mentre i figuranti si preparavano per la tradizionale sfilata con costumi da pastori e la rappresentazione della natività, interpretata da una famiglia del luogo, per la prima volta in assoluto prima di partire a sfilare per le vie del paese, tutti hanno potuto assistere all'arrivo dei Magi in volo, accompagnati da una Stella Cometa e una “befana”, tutti rigorosamente nostri soci. Questo grazie al Fly Emotion Aerofune, innovativo impianto che mediante funi d'acciaio congiunge i 2 versanti opposti della valle e, appesi ad una carrucola opportunamente imbragati, permette alle persone di "volare" spinti soltanto dalla forza di gravità. Tutti i figuranti hanno quindi attraversato le vie del paese potendo ammirare i caratteristici angoli organizzati per l’occasione. Scene di antichi mestieri sono state rappresentate come la lavorazione della lana dalla cardatura alla filatura alla lavorazione ad aghi, il taglio del legno e la lavorazione di assi con asce e seghe, le opere dei vari scultori del legno, la sbucciatura delle castagne battendole con il sacco ed altre scene di attività facenti parte della tradizione montana. Tutto questo accompagnati dal corpo musicale ospite della manifestazione e dai nostri consueti zampognari sempre presenti all'evento. Al termine si sono recati tutti presso la chiesa dei Santi Rocco e Sebastiano dove Padre John Marconcini, ha celebrato la Santa Messa ed ha impartito una speciale benedizione ai presenti tenendo in braccio il bambino protagonista della Sacra Famiglia. Prima di recarsi a pranzo i Re Magi e gli zampognari, hanno fatto visita presso le case di alcuni anziani e malati impossibilitati a muoversi, regalando loro un momento di allegria ma anche di forte emozione, trasformando questa circostanza come la più intensa e importante della giornata. Il pranzo degnamente preparato dai locali, si è svolto in una grande sala del PoliAlbaredo, che ha accolto ben 230 persone tra " BARILOCC" (abitanti del luogo nel loro dialetto) e Caratesi. Alla fine del pranzo, si sono svolti i consueti ringraziamenti e consegne di targhe e omaggi sia da parte del comune di Albaredo e delle varie associazioni, che da parte del CAI di Carate (nelle persone del presidente Colombo Antonio e dal suo vice Meregalli Francesco) e dell'amministrazione comunale nella persona del nostro vicesindaco Valtorta Marino. Tra le targhe preparate, anche quella per Italo Frigerio, “il sarto” che si occupa da decenni della manutenzione dei vestiti dei figuranti e che purtroppo quest’anno non ha potuto partecipare a questo Natale Alpino. Durante la cerimonia, il Vicesindaco di Albaredo, Patrizio del Nero ha illustrato ai presenti la storia di Albaredo e delle sue associazioni, auspicando un nuovo appuntamento negli anni a venire. Il tutto è terminato con la tradizionale lotteria che quest'anno presentava tantissimi premi.

 

 Vedi la galleria fotografica della giornat

 

15 novembre 2015 -Il CAI a Soave per il pranzo sociale.

Postato in Relazioni manifestazioni

fotoCome da tradizione, anche quest’anno si è svolto il pranzo sociale organizzato dalla locale sezione del CAI di Carate Brianza. Meta scelta è stata Soave, cittadina scaligera alle porte di Verona. Il borgo è circondato da dolci pendii collinari coltivati a vite che si alternano ad ampie e verdi distese di campagna. Una delle maggiori attrattive di Soave è il Castello Scaligero, restaurato nel 1890, un’imponente struttura militare realizzata nel medioevo costituita da un mastio possente circondato da tre cortili e dalle mura che, scendendo dal monte, circondano questo antico borgo. Il gruppo caratese di 50 persone ha potuto visitare l’intero castello passando dalle sale e camere del vecchio Signore che abitava in questi luoghi e dove sono conservati anche alcuni elementi dall’arredamento originario e vari oggetti d’epoca, dagli utensili della vita quotidiana ai corredi bellici. Grazie ad una temperatura autunnale di questa giornata, tutti i partecipanti hanno potuto ammirare queste interessanti luoghi, istruiti dalle nostre guide Angelo Longoni e la nipote Ferrario Chiara, nostri soci. La visita è poi proseguita scendendo verso il paese, dove erano presenti le caratteristiche bancarelle di antiquariato. Al termine della mattinata, la compagine si è indirizzata al ristorante dove ha potuto apprezzare un pranzo a base di specialità veronesi. Non sono mancati i tradizionali riconoscimenti ai soci più affezionati. Sono stati premiati con il distintivo e un attestato di fedeltà i soci che da 25 anni fanno parte della sezione. Consegnati dal VicePresidente Meregalli Francesco e dal consigliere Brivio Mariella, il distintivo e l’attestato a Colombo Elisa e Sirtori Gianpiero. Altre 13 persone hanno raggiunto questo importante traguardo: Gazzaniga Giulia, Gazzaniga Luca, Cattaneo Luigia, Colciago Claudia, Colciago Marina, Camesasca Luigi, Nobili Alessandro, Vergani Carlo, Gabetta Giovanna, Zanotti Carlo, Zanotti Emma, Zanotti Gianluigi, Zanotti Paola. Al termine il saluto del Presidente Colombo Antonio con un ringraziamento agli organizzatori. Tra i presenti alla manifestazione, anche l’attuale Presidente degli Artigiani Coscia Piergiuseppe e il suo predecessore Villa Giannino e il Presidente dei Commercianti Isimbaldi Maura. Colombo ha poi ricordato i prossimi appuntamenti con il CAI. Il giorno 8 dicembre davanti alla sede del CAI con la Festa dei Commercianti, il 18 dicembre sera in sede per il tradizionale scambio degli auguri natalizi ed infine il 6 gennaio 2016 per la 56° edizione del Natale Alpino che si svolgerà ad Albaredo.

Vedi la galleria fotografica della giornata

 

Sabato 16 maggio 2015 - Astrologia e Astronomia. Solo questione di logica ?

Postato in Relazioni manifestazioni

 

Sabato 16 maggio 2015 - Astrologia e Astronomia. Solo questione di logica ?

Sabato 16 maggio, in sede presso la Torre Civica, si è svolta una simpatica serata tenuta dal gruppo delle "stelle" del Cai di Carate, che per questo 5° anno ha voluto stupire i partecipanti con una diversa impronta rispetto alle precedenti edizioni. Si è parlato infatti di astronomia, ma soprattutto del legame con l' astrologia ora e nella storia: una volta procedevano di pari passo, erano un tutt’uno, una sola scienza. Poi nel XVI secolo sono state separate sulla base delle scoperte scientifiche del tempo in due discipline distinte: • L’Astronomia come disciplina scientifica • L’Astrologia come pseudoscienza Ma oggi l'Astrologia, definita dalla logica scientifica come una pseudoscienza, conserva oggi una sua validità, un suo valore? E' quello che abbiamo scoperto durante l'incontro con l'ausilio di un esperimento legato all'oroscopo.

 

Un dovuto ringraziamento particolare ai relatori della serata Angelo Longoni e Massimo Citterio. 

foto

Nella foto il gruppo che ha partecipato alla simpatica serata 

   

25 ottobre 2015 -Santa Messa alla Capanna Mara

Postato in Relazioni manifestazioni

 

25 ottobre 2015 -Santa Messa alla Capanna Mara

Tanti i presenti domenica 25 ottobre al tradizionale appuntamento alla Capanna Mara per celebrare la Santa Messa in ricordo dei propri soci deceduti. Anche questa giornata è stata dedicata a Elio, per il quale è stata posata una targa a suo ricordo su una parete della cappelletta sopra al rifugio. Come di consuetudine la messa è stata celebrata proprio presso la cappelletta alle 11 da Padre Piero, Betharramita di Albavilla. Durante la cerimonia sono stati ricordati, oltre a Elio Vergani, anche alcuni soci mancati negli anni passati che hanno significato tanto per la sezione del cai di Carate, come ad esempio Ambrogio Marzorati ideatore della cappelletta ed Enrico Cattaneo mancato in un tragico incidente in montagna nel 2007. Al termine, il Presidente Colombo Antonio e il suo vice Meregalli Francesco hanno ringraziato i presenti tra cui il Vice sindaco Valtorta Marino e hanno consegnato a Padre Piero una donazione raccolta nei mesi passati tra soci CAI e amici di Elio in suo ricordo. Insieme alle offerte della giornata, Padre Piero devolverà il tutto alle missioni di cui si occupano i Padri Betharramiti, in particolare si contribuirà alla costruzione di una sala operatoria in una clinica nell'Africa centrale. Non è un caso che Elio era un medico e la figlia presente oggi, Cinzia, si è laureata pochi giorni fa in medicina. La bella giornata di sole si è poi conclusa come di consueto con un caratteristico pranzo presso la Capanna Mara. Il prossimo appuntamento è per il 15 novembre a Sovae per il Pranzo Sociale.

 
foto 
     Vedi la galleria fotografica della giornata

6 gennaio 2015 55° edizione natale Alpino a Prosto di Piuro

Postato in Relazioni manifestazioni

 

6 gennaio 2015 55° edizione natale Alpino a Prosto di Piuro

Anche quest’anno si è svolta la tradizionale manifestazione del Natale Alpino organizzata dalla locale sezione del Cai di Carate Brianza. Giunta alla sua 55° edizione, questa storica manifestazione ha come scopo uno scambio culturale tra la nostra cittadinanza e alcuni piccoli paesi montani. Quest’anno la meta scelta è stata Prosto di Piuro, piccola località in Val Bregaglia a pochi chilometri da Chiavenna. Come sempre una numerosa compagine partita da Carate di prima mattina con due pullman ha raggiunto il municipio di Prosto e accolta dagli amici del paese, ha potuto prepararsi per la tradizionale sfilata con costumi da pastori e la rappresentazione della natività, interpretata da una famiglia di Prosto. Gli oltre 100 figuranti hanno quindi attraversato le vie del paese potendo ammirare i caratteristici angoli organizzati per l’occasione. Scene di antichi mestieri sono state rappresentate come la lavorazione della lana fatta a mano, il tradizionale lavatoio all’aperto usando l’acqua del torrente, il fabbro le sue opere in ferro battuto, il castagnaio che “sbucciava” le castagne battendole con il sacco ed altre scene di attività facenti parte della tradizione montana. L’intera sfilata è stata accompagnata con i canti del coro delle ragazze di Prosto. Al termine si sono ritrovati tutti alla capanna della natività dove i Re Magi hanno portato alla Sacra Famiglia i tradizionali doni. In seguito, i partecipanti si sono recati presso la chiesa dove Don Francesco, parroco di questo gruppo di borghi, ha celebrato la santa messa. Terminata la cerimonia religiosa ci sono stati i tradizionali scambi di auguri e doni. Sono state consegnate dal presidente del CAI Colombo Antonio e dal suo vice Meregalli Francesco, le targhe ricordo della manifestazione a Don Francesco, al Presidente del gruppo sportivo, organizzatore da parte di Prosto, al sindaco del paese Iacomelli Omar e anche al nostro vicesindaco Valtorta Marino che rappresentava la nostra comunità caratese. Meregalli ha inoltre portato il saluto del nostro parroco Don Gianpiero in quanto impossibilitato a partecipare in seguito ai suoi numerosi impegni in quel di Carate. Prima di recarsi a pranzo il gruppo dei Re Magi e zampognari, hanno fatto il tradizionale giro nelle case degli anziani e dei malati. È questo un momento di particolare attenzione di questa manifestazione. Ben dieci sono state le persone che hanno ricevuto questa gradita e inaspettata visita. L’ingresso in queste case con la musica della zampogna che accompagna i tre Re Magi, suscita un particolare e intenso momento. Le persone anziane e malate accolgono sempre con emozione questa visita che spesso si trasforma in un commovente incontro. Si tratta sicuramente di uno dei più intensi momenti della giornata. Al termine delle visite, la giornata è poi proseguita con il tradizionale pranzo. Alla manifestazione hanno partecipato un centinaio di concittadini caratesi oltre che un nutrito gruppo di Prosto che hanno contribuito alla buona riuscita della giornata.

 
foto 
     Vedi la galleria fotografica della giornata

16 novembre 2014. Pranzo sociale a Casale Monferrato.

Postato in Relazioni manifestazioni

 

Logo timbro 80

16 novembre 2014. Pranzo sociale a Casale Monferrato.

Si è svolto oggi, il tradizionale pranzo sociale che annualmente viene organizzato dalla locale sezione del CAI. Meta per questo importante appuntamento è stata la cittadina di Casale Monferrato in Piemonte. La breve finestra di bel tempo ha premiato il numeroso gruppo di partecipanti che di buon’ora è partito da Carate e dopo una breve sosta tecnica in autostrada, ha raggiunto Casale. In Piazza Castello sono stati accolti da una guida locale che li ha accompagnati per le vie cittadine per conoscerne i luoghi più interessanti. Primo fra tutti la cattedrale di Sant’Evasio, in seguito è stata interessante la visita della Sinagoga con un’esauriente spiegazione della sua storia e tradizione. Il gruppo si è poi spostato per visitare il convento agostiniano di Santa Croce. Terminata la visita con una passeggiata per le vie del centro, i partecipanti si sono quindi recati presso il ristorante prescelto che ha preparato un pranzo con tradizionali piatti piemontesi. Poi, come vuole la tradizione, sono stati premiati i soci che hanno raggiunto importanti traguardi nel CAI. Nove soci hanno raggiunto l’anzianità sociale di 25 anni, altri 2 hanno festeggiato il 50° anno ed altri 3 hanno raggiunto il ragguardevole traguardo di 70 anni di iscrizione al CAI. A ritirare il distintivo del 25° era presente Bestetti Tiziano. Per il 50° era presente Cattaneo Angelo, noto fondista, maratoneta e sky-runner. Infine per il prestigioso traguardo dei 70 anni, era presente Cazzaniga Giuseppe, meglio conosciuto come Franzin. Cazzaniga ha ritirato il diploma di socio onorario, firmato direttamente dalla presidenza generale del CAI nazionale. Dato l’importante avvenimento, il Presidente della locale sezione, Colombo Antonio, ha informato i presenti che il nome del socio Franzin, verrà inserito nell’albo d’oro della sezione, a ringraziamento della fedeltà dimostrata in tutti questi anni. Con lui altri due soci Caslini Franco e Villa Ettore hanno raggiunto lo stesso pregevole traguardo. Con questa giornata il CAI sta quindi avviandosi al termine della stagione 2014. Altri 2 importanti appuntamenti questo mese. Il 24, per la proiezione film in sede CAI, il 28 presso l’Agorà, grande serata con protagonista Annalisa Fioretti, alpinista non professionista , medico, mamma. Una serata per tutti, da non perdere.

 
foto 
     Vedi la galleria fotografica della giornata

26 ottobre 2014 -Santa Messa alla Capanna Mara

Postato in Relazioni manifestazioni

 

Logo timbro 80

26 ottobre 2014 -Santa Messa alla Capanna Mara

Come tutti gli anni, anche quest’anno, il CAI ha voluto ricordare i propri defunti con la celebrazione di una Santa Messa presso la Cappelletta alla Capanna Mara. La giornata un po’ velata e nebbiosa ha fatto da cornice a questa oramai consolidata tradizione del CAI creando il giusto ambiente per questa cerimonia ed ha visto oltre un centinaio di persone incamminarsi verso il rifugio Capanna Mara (1125m) che è situato tra i monti Bollettone e Palanzone nel triangolo lariano. Alle 11:00 è cominciata la Santa Messa, officiata da Padre Piero dei Betharramiti di Albavilla. Durante la cerimonia sono stati ricordati i soci defunti nel 2014 tra cui Vimercati Marcella, socia da ben 70 anni della sezione di Carate Brianza. Presente il marito di Marcella, Cazzaniga Giuseppe di 90 anni, meglio conosciuto come “il Franzin” che ha voluto ricordare la moglie donando alla sezione del CAI una fotografia che la ritrae al Bivacco Marco e Rosa sul Bernina nel lontano 1968. Al termine, il Presidente Colombo Antonio e il suo vice Meregalli Francesco hanno ringraziato i presenti tra cui anche una rappresentanza dell’amministrazione comunale nelle persone del Vice sindaco Valtorta Marino e dell’assessore allo Sport Rigamonti Beatrice. La giornata si è poi conclusa come di consueto con un caratteristico pranzo presso la Capanna Mara.

 
foto 
     Vedi la galleria fotografica della giornata

17 novembre 2013 - Pranzo Sociale a Torino

Postato in Relazioni manifestazioni

 

17 Novembre 2013 - Pranzo Sociale a Torino

E’ stata Torino, la città scelta come meta dal CAI di Carate Brianza per organizzare il tradizionale pranzo sociale annuale. Il motivo che ha spinto l’organizzazione a scegliere questo luogo è la celebrazione del 150° anniversario della fondazione del Club Alpino Italiano. Fu infatti a Torino che nel 1863, Quintino Sella pose le fondamenta di questo importate sodalizio di cui fa parte anche la nostra città. La comitiva partita da Carate di buon’ora ha raggiunto la prima capitale d’Italia incontrando anche la grande manifestazione della Maratona di Torino con migliaia di atleti che gareggiavano. Accompagnati da una guida locale, i partecipanti alla gita, hanno così potuto visitare i luoghi più interessanti partendo da Piazza Castello passando poi per la famosa Piazza San Carlo, “il salotto di Torino”. Il giro è poi continuato visitando la chiesa San Filippo Neri, il Collegio dei Nobili, la Piazza Caregnano, stile barocco e sede del primo parlamento italiano (fotografia del gruppo davanti al Palazzo). Il tutto si è concluso passeggiando sulla via Po fino a raggiungere il ponte che lo attraversa. Il gruppo ha poi visitato il Museo della Montagna e i Giardini del Valentino. La giornata con leggera foschia ma temperatura mite ha reso la gita piacevole e la compagine ha potuto quindi raggiungere il ristorante nei pressi di Chivasso dove è continuata la giornata con un pranzo a base di specialità piemontesi. Al termine, sono stati premiati i soci “fedeli” che hanno compiuto il 25° anno di tesseramento, consegnando loro il distintivo dell’associazione. I soci che hanno raggiunto questo traguardo sono : Riva Giuliano , Riva Gabriele, Sirtori Diego, Borgonovo Flaminio, Colombo Franco, Danielli Giuseppe, Longoni Mario, Piccin Maurizio, Pozzoni Daniele, Redaelli Monica, Sironi Renzo, Vimercati Andrea e Vismara Daniela. È così terminata l’impegnativa ma interessante manifestazione.

 
foto 
     Vedi la galleria fotografica della giornata

20 luglio 2013 Arena di Verona - Il Trovatore

Postato in Relazioni manifestazioni

 

20 luglio 2012 Arena di Verona - Il Trovatore

Come da tradizione decennale, anche quest’anno il CAI ha organizzato una gita culturale per i propri soci e simpatizzanti. Come meta la città di Verona e la famosa Arena. In occasione del centenario dalla morte di Giuseppe Verdi, Verona ha organizzato diversi eventi a lui dedicati. Il CAI ha deciso di partecipare ad una delle sue più famose opere “Il Trovatore”.Partiti da Carate Brianza il giorno di sabato 20 luglio alle ore 14:30, i 54 partecipanti sono arrivati a Verona nel tardo pomeriggio. In attesa di entrare in Arena, il CAI ha offerto ai partecipanti una leggera ma gustosa merenda con pane, salame e vino. Dopo la merenda una veloce visita alla città ed in particolare nel centro storico e relativa foto di gruppo. Arrivata l’ora di ingresso alla’Arena si sono quindi sistemati sulle gradinate. Malgrado la temperatura decisamente estiva, il gruppo ha quindi assistito all’opera ammirando la favolosa scenografia di Zeffirelli. L’opera è quindi terminata a notte fonda e il gruppo caratese ha potuto ritornare al pullman che li ha poi riportati a Carate in piena notte alle 2:30 di domenica mattina. L’appuntamento per la cultura è quindi per il prossimo anno sempre in Arena per assistere ad un’opera lirica.

 
foto 
     

13 Luglio 2012 - Arena di Verona - Carmen

Postato in Relazioni manifestazioni

 

13 Luglio 2012 - Arena di Verona - Carmen "Cultura"

Venerdi 13 luglio tradizionale appuntamento culturale per la nostra sezione C.A.I. di Carate Brianza all'arena di Verona. Quest'anno abbiamo scelto la Carmen di Bizet; significativo il cast ad incominciare dal Direttore d'orchestra Julian Kovatchev con Franco Zeffirelli alla regia e scene, ed Anna Anni ai costumi. Autorevole interpretazione della giovane mezzosoprano Anita Rachvelishvili (Carmen), e dell'affermata soprano Fiorenza Cedolins (Micaela). Calorosa ed intensa partecipazione del folto gruppo di amanti dell'opera della sezione C.A.I. con vivi apprezzamenti per la magnifica serata. e mentre già si parla dei progetti per l'anno prossimo (Verdi - Il Trovatore ?)

 
foto 
     

17 luglio 2016 - Arena di Verona "AIDA"

Postato in Relazioni manifestazioni

 

17 luglio 2016 -CAI e Cultura. All'Arena doi Verona con "AIDA"

Anche quest’anno non è mancato l’appuntamento all’Arena di Verona. L’opera scelta è stata “Aida”, famosa rappresentazione di Verdi, in quattro atti che raccontano la storia di Aida, schiava etiope innamorata di Radames. A questa oramai tradizionale uscita del CAI hanno partecipato oltre 50 persone. Quest’anno tra i presenti anche il nostro Prevosto Don Gianpiero, appassionato di lirica. Il gruppo è poi rientrato in tarda notte a Carate.

 
foto 
     Vedi la galleria fotografica della giornata