9 luglio 2022. Finalmente di nuovo all’Arena di Verona con il CAI.

Postato in Manifestazioni

9 luglio 2022. Finalmente di nuovo all’Arena di Verona con il CAI.


Ripreso dal CAI il tradizionale incontro all’Arena di Verona con la cultura, dopo la forzata sosta di due anni,
dovuta al Covid.
Un nutrito gruppo di oltre 40 persone tra soci CAI e simpatizzanti, si è recato all’Arena di Verona partendo
da Carate sabato 9 luglio nel tardo pomeriggio. Questa volta, la scelta è ricaduta su un famoso
melodramma. “La traviata” opera in tre atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave.
I partecipanti alla gita hanno ascoltato la trama di questa opera, direttamente dall’amico Giannini
Domenico, durante il viaggio a Verona. La storia racconta di Violetta Valéry, giovane cortigiana parigina, che
per amore di Alfredo decide di cambiare vita, di abbandonare Parigi, i suoi lussi. Purtroppo l’epilogo di
questa vicenda termina con la morte della protagonista e la disperazione di Alfredo.
Il gruppo caratese, dopo una visita alla città scaligera, si è sistemato sulle gradinate dell’arena per assistere
allo spettacolo. Oltre 3 ore tra canti, balletti e ricche scenografie di Zeffirelli, hanno riempito la serata
soddisfando tutti. Al termine, il ritorno in pullman con rientro a Carate in tarda notte.
Meregalli Francesco, ha quindi salutato tutti i presenti ringraziandoli per la loro fedeltà a questa tradizione
e dando appuntamento per il prossimo anno.

 foto

 

 

 

 

 

9-10 luglio 2022. Ecologia alla Capanna Carate

Postato in Manifestazioni

  9-10 luglio 2022. Ecologia alla Capanna Carate

Ecologia

Pubblichiamo con piacere una bella iniziativa di Alessandro, gestore della Capanna Carate.

x

Fino a pochi anni fa il pensiero ecologico non faceva ancora parte della nostra cultura..si "credeva" che se occhio non vede..male non fa....e allora tutto il peso che non si poteva portare in spalla e che era fatica inutile si lasciava alla natura..e si nascondeva agli occhi, magari sotto un sasso....e qui di sassi ce ne sono molti.
Quindi, per cercare di fare pace con i nostri demoni del passato e gli scheletri nascosti nell'armadio, abbiamo deciso di organizzare un weekend ecologico in cui ognuno potrà dare del suo per un futuro migliore! Da noi viene l'offerta di un pasto caldo a tutti coloro che vogliano dare una mano in questi due giorni.
Forse nessuno avrà voglia di "sporcarsi" le mani, ma un segnale va dato, e noi saremo qui come sempre a cercare di rispettare il posto in cui siamo!
Non esitate a contattarci per informazioni.
0342 452560  -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

@rifugilombardia
@valtellinaofficial
@stickvalley
@rifugiditalia
@sondrio_valmalenco
@caivalmalenco
@comune_caratebrianza
@ultravalmalenco

19 giugno 2022. Serata cultura con Natalìa Ratti. Bonatti in concerto e recitazione

Postato in Manifestazioni

  19 giugno 2022. Serata cultura con Natalìa Ratti. Bonatti in concerto e recitazione

fotoOggi, alle ore 21:00, in Villa Cusani, serata dedicata all’alpinista Walter Bonatti con i racconti delle sue più belle avventure, recitate da Natalìa Ratti.

Natalia Ratti, è musicista di professione e montanara per passione, ha scritto questo concerto per pianoforte e voce recitante dedicando quello di questa sera al grande Bonatti. In un live “in solitaria”, la storia di Bonatti. “Parole in concerto”, dedicato al suo pensiero e alle sue principali tappe alpinistiche. Le parole sono recitate ed enfatizzate dalla musica eseguita al pianoforte di Haydn, Chopin, Rachmaninov, Moussorgsky e Granados.

 --> Vai alla galleria fotografica della serata

19 dicembre 2021. "Natale a Carate" in Villa Cusani con la Valmalenco

Postato in Manifestazioni

In una bella giornata invernale e in un ambiente di tutto rispetto “Villa Cusani”, si è svolta il 19 dicembre 2021, l’ultima giornata della manifestazione “Natale a Carate”.

In questo prenatalizio momento, anche il CAI di Carate Brianza ha voluto organizzare qualcosa di speciale, invitando a partecipare alla manifestazione un gruppo di amici della Valmalenco. Arrivati dalla valle, Luigi Parolini capogruppo della Protezione Civile, consigliere dell’amministrazione di Lanzada con i suoi collaboratori e Renato Bergomi, artista di grande livello, esperto nella lavorazione della pietra ollare, particolare tipo di roccia di questa parte della Valtellina.

Particolari manufatti in pietra ollareBergomi Renato al lavoroDopo aver espUn momento della giornataosto i suoi capolavori, Bergomi ha messo in funzione un artigianale tornio per dimostrare come si creano i “lavec”, caratteristiche padelle in pietra ollare. Da un singolo blocco di roccia vengono ricavate diverse padelle, una più piccola dell’altra come in una bambola “matrioska”.

Esposto sotto al gazebo anche il modellino in scala della “Capanna Carate” costruito da Dario Dell’Orto con oltre sei mesi di lavoro. Il plastico riproduce fedelmente l’attuale rifugio nei minimi particolari ed ha richiesto oltre sei mesi di laborioso lavoro.

Il gruppo durante lo scambio di omaggiIn mattinata è intervenuto il sindaco Luca Veggian che ha omaggiato il gruppo dei “malenchi” con un libro che racconta Carate e la sua storia. Anche Parolini ha voluto lasciare un ricordo al sindaco consegnandogli alcuni testi che raccontano della vita valligiana. Il Presidente del CAI di Carate Brianza Colombo Antonio e Meregalli Francesco hanno infine ringraziato la protezione civile di Lanzada donando il gagliardetto della sezione. In particolare Colombo ha elogiato l’artista Renato Bergomi per le meravigliose opere da lui costruite lavorando la pietra ollare. Presenti all’evento, anche il vicepresidente della BCC di Carate Brianza, Ruggero Redaelli e il consigliere Daniele Oggioni.

Questo gemellaggio, fortemente voluto dalla locale sezione del  CAI, dai sindaci di Carate e di Lanzada e dai gruppi culturali della Valmalenco, è stato dettato anche dalla forte amicizia che lega questi rappresentanti e vuole essere l’inizio per uno scambio futuro di conoscenze su tradizioni  e culture che ci legano a questa valle che porta sulle alte cime il rifugio “Capanna Carate”

A questo link potete vedere il servizio della TV Privata "Unica TV"  --> Carate e Valmalenco

31 ottobre 2021. Giornata del ricordo alla Capanna Mara

Postato in Manifestazioni

31 ottobre 2021. Giornata del ricordo per il CAI di Carate Brianza.

20211031 Gruppo del pranzo Dopo aver saltato l'ultimo appuntamento lo scorso anno per la nota  situazione pandemica, il CAI Carate Brianza ha riproposto "La giornata dei  ricordi" oggi 31 ottobre con il tradizionale appuntamento alla Capanna Mara per ricordare i nostri soci e amici che ci hanno lasciati.

 La tipica giornata autunnale un po’ velata e nebbiosa ha fatto da cornice a questa oramai consolidata tradizione del CAI creando il giusto ambiente per questa cerimonia ed ha visto una cinquantina di persone incamminarsi verso il rifugio Capanna Mara (1125m) che è situato tra i monti Bolettone e Palanzone nel triangolo lariano.

La Santa Messa è stata celebrata alle 11,00 dal nostro prevosto Don Giuseppe Co20211031 Don Giuseppenti all’interno del rifugio anziché alla Cappelletta che si trova appena sopra la Capanna Mara per il tempo non proprio ottimale.

Durante la cerimonia sono stati ricordati i soci defunti da fine 2019 fino ad oggi.: Mario Viganò, scomparso a novembre 2019 che è stato per molti anni revisore dei conti del sodalizio; Augusto Moretti, Giuseppe Giussani, Alessandro Consonni scomparsi nel 2020; infine i soci che ci hanno lasciato da poco: Maurizio Strocchio che è stato consigliere ed istruttore sezionale per oltre 10 anni, Romano Viganò (fratello di Mario) e Sandro Andrea Marzorati.

Al termine, il nuovo Presidente Colombo Antonio ha ringraziato i presenti, portando anche i saluti del sindaco di Carate Luca Veggian, di Padre Piero Trameri che ha sempre officiato questa messa e anche di Don Gianpiero Magni.

La giornata si è poi conclusa come di consueto con un caratteristico pranzo presso la Capanna Mara.

 

6 gennaio 2020. 60° Natale Alpino a Tartano

Postato in Manifestazioni

 

6 gennaio 2020. 60° Natale Alpino a Tartano.

fotoAnche quest’anno la locale sezione del CAI di Carate Brianza ha organizzato il tradizionale Natale Alpino. Questo particolare evento, nacque nel lontano 1961 da un gruppo di soci capitanati da Guido Valtorta (padre del ex-vicesindaco Marino Valtorta) e si svolse a Torre Santa Maria in Valmalenco. Lo spirito iniziale della manifestazione era quello di portare in questi sperduti paesi montani, un angolo di Carate creando una specie di gemellaggio. Con la sfilata di figuranti, i caratesi portavano doni ai bambini e agli anziani del paese collaborando con le associazioni locali. Con il passare degli anni il gruppo Natale Alpino è cresciuto in termini di presenze fino ad arrivare ad oltre cento partecipanti.

La meta scelta per questa edizione del 2020 è stata la Valtartano e in particolare il paese di Tartano, in Valtellina a circa 1200 metri di altezza. In una bella giornata di sole, gli oltre 70 figuranti hanno sfilato per il paese visitando lungo il percorso,  le diverse postazioni degli “antichi lavori”, preparate e interpretate dai cittadini di Tartano. Tra le diverse figure si sono potuti vedere falegnami, intarsiatori del legno, donne intente alla filatura e anche al lavaggio dei panni nelle gelide acque delle fontane. Lungo il percorso si è potuto ammirare il Grande Presepe di Val Tartano, uno dei presepi più suggestivi in Valtellina, con personaggi realizzati a grandezza d'uomo e raffiguranti scene di vita quotidiana del passato.

Alla fine del percorso, il corteo con in testa la Sacra Famiglia e i Re Magi, si è diretto verso la chiesa per partecipare alla Santa Messa celebrata da Don Nelson e dal parroco Don Sergio. Un momento particolarmente emozionante si è potuto vivere, durante l’offertorio con l’entrata in chiesa dei Re Magi con oro, mirra e incenso seguiti dai musicanti.

Dopo la Santa Messa i partecipanti sono stati invitati da Don Nelson al tradizionale “bacio del Bambino Gesù”.  Terminata la funzione religiosa, come da tradizione, i Re Magi accompagnati dai musicanti si sono recati a far visita agli anziani del paese. Come sempre, si è trattato di momenti molto suggestivi. L’ingresso in queste case, la musica della zampogna, i tre Magi che portano un dono a queste persone, creano una scena di intensa emozione e gli anziani, visibilmente emozionati e stupiti, rendono questo momento uno dei più significativi della giornata.

Terminato il giro presso gli anziani, tutti i partecipanti si sono ritrovati presso il ristorante per gustare un pranzo caratteristico valtellinese.

Durante il pranzo sono stati consegnati attestati e targhe a ricordo della giornata. Tra i premiati con una pergamena ricordo, la figurante storica del “Babbo Natale” impersonato da Lidia Bestetti, affezionata partecipante di questa manifestazione, i musicanti Marco Scotti, la zampogna e Alessia Scotti, il piffero, i Re Magi con Renzo Sironi e Stefano Ventura.

Un momento particolare è stato dedicato agli organizzatori storici del Natale Alpino con la consegna di una targa ricordo a Italo Frigerio, il sarto, Emilio Colciago, Angelo Longoni, Antonio Bonfanti, uno dei Magi e al coordinatore del gruppo Francesco Meregalli attuale presidente della sezione CAI. Una targa speciale è stata poi dedicata all’intera organizzazione del Natale Alpino. In questa occasione il gruppo ha comunicato che con questa 60a edizione si conclude un lungo percorso fatto di tanti successi. Si ferma quindi per “una pausa di riflessione” una manifestazione che ha fatto storia nel CAI e nella nostra cittadina di Carate Brianza. Un ringraziamento va fatto a chi, in tutti questi anni, ha permesso la buona riuscita di questa manifestazione.

Durante la consegna delle targhe sono stati ringraziati i collaboratori di Tartano che con il loro impegno hanno organizzato la sfilata e le postazioni storiche. La maestra Carla Pasina con il marito Celeste Gusmeroli e Arnaldo Spini sono le persone che hanno coordinato tutta la giornata insieme alle diverse associazioni quali Alpini, Proloco, Gruppo Scialpinisti, Gruppo del Presepe e altri volontari.

A conclusione, l’intervento del nostro vice-sindaco Giovanni Fumagalli che dopo aver portato i saluti dell’amministrazione caratese ha passato la parola all’assessore ai servizi sociali Cristina Camesasca che ha chiesto al gruppo del Natale Alpino di non fermarsi, ma continuare in questa importante manifestazione anche negli anni a venire.

Nel tardo pomeriggio, l’intera compagine è risalita sui pullman con destinazione Carate Brianza.        

                                                                                                                                             -->  Vedi la galleria fotografica

 

10 novembre 2019. Pranzo sociale con il CAI. San Martino e Solferino.

Postato in Manifestazioni

 

 

10 novembre 2019. San Martino e Solferino con il CAI.

Quest’anno la tradizionale gita culturale e pranzo sociale della locale sezione del CAI ha avuto come meta i luoghi che hanno segnato la storia dell’unità d’Italia. San Martino e Solferino protagonisti della seconda guerra di indipendenza che vide il 24 giugno 1859, la combattuta battaglia conclusiva della Seconda Guerra di Indipendenza Italiana vinta dai francesi e piemontesi contro gli austriaci. Famosa battaglia ricordata soprattutto per il numero di vittime esorbitante. Tra feriti, dispersi e morti furono coinvolte ben 40.000 persone.

I partecipanti alla gita si sono ritrovati prima a San Martino e in una stupenda giornata hanno visitato la Torre, spettacolare costruzione alta 74 metri nel cui interno sono rappresentati i momenti più importanti riguardanti l’unità d’Italia, ricordando in particolare, i principali protagonisti delle guerre di indipendenza. Tra affreschi e teche contenenti ricordi di armi, vestiti  e documenti i soci hanno rivissuto l’intero periodo fine ‘800.

Al termine di questa visita, la compagine si è recata a Solferino per salire sull’omonima torre. Salendo la lunga rampa si è arrivati in cima alla torre da cui è stato possibile ammirare un panorama a 360° gradi.

Scesi da questa spettacolare costruzione, il gruppo si è quindi recato presso il ristorante per il pranzo.

Al termine, il Presidente del CAI Carate Francesco Meregalli e il  suo vice Antonio Colombo hanno premiato i soci di lunga data consegnando loro un attestato di ringraziamento per la fedeltà dimostrata alla sezione di Carate Brianza.

Per i 25 anni sono stati premiati i soci Dell’Orto Sergio, Pozzi Barbara, Cesana Fabio, Silva Chiara, Cazzaniga Giuseppe, Torrini Pietro Maria, Cesana Simone, Sironi Gianni Filippo.

Per i 50 anni i soci Villa Lina, Borgonovo Daniela, Borgonovo Fernando, Fodri Anna. Per i 60 anni il socio Cesana Giuseppe. Per 75 anni i soci Villa Ettore, Caslini Franco.

Presenti alla cerimonia, anche il presidente degli artigiani Pier Giuseppe Coscia, il presidente dei commercianti Isimbaldi Maura e il vice-presidente dei Marciacaratesi Bagnardi Dino.

 

20191110 Premiazione Cesana Giuseppe e Villa Ettore 20190720 ArenaVerona20191110 Gruppo sulla Torre San Martino

     

 

27 ottobre 2019. Giornata del ricordo con il CAI - Santa Messa alla Capanna Mara.

Postato in Manifestazioni

 

 

27 ottobre 2019. Giornata del ricordo per il CAI di Carate Brianza.

Una spettacolare e calda giornata autunnale ha visto protagonisti i soci della locale sezione del CAI per la tradizionale giornata dedicata ai ricordi. Sulle montagne comasche tra il Bollettone e il Palanzone e precisamente alla Cappelletta che si trova sopra la Capanna Mara è stata celebrata la Santa Messa da Padre Piero Trameri dei Betharramiti di Albavilla. Presenti alla funzione molti amici e soci CAI per ricordare insieme le persone venute a mancare quest’anno.

Tra queste, in particolare, Farina Edmondo conosciuto come “Mondino”, che ricoprì anche la carica di Presidente del CAI Carate per due anni. Oltre a lui il ricordo anche di Giussani Marco e di Rosi Rioli Longoni, moglie di Angelo Longoni, socio che fa parte dell’attuale consiglio direttivo.

Al termine della Santa Messa i saluti e ringraziamenti da parte del Presidente Meregalli Francesco e del suo Vice Colombo Antonio, che hanno ricordato i prossimi appuntamenti del CAI tra cui il pranzo sociale a Solferino del 10 novembre, lo scambio di auguri in sede il 23 dicembre ma in particolare il Natale Alpino che festeggerà i suoi 60 anni e che, con questa edizione,  concluderà la sua longeva tradizione. Dopo queste comunicazioni, i partecipanti si sono incamminati verso la Capanna Mara, alcuni fermandosi a pranzo ed altri avviandosi verso casa.

 
20190720 ArenaVerona 
     

 

20 Luglio 2019. La cultura con il CAI - Il "Trovatore" all'Arena di Verona

Postato in Manifestazioni

 

 

Sabato 20  luglio. Appuntamento con la cultura all’Arena di Verona. “Trovatore”

Anche quest’anno non è mancato l’appuntamento all’Arena di Verona. L’opera scelta è stata il “Trovatore”, dramm  di Giuseppe Verdi in quattro atti e otto quadri, ambientato in Spagna al principio del secolo XV.

A questa oramai tradizionale uscita del CAI hanno partecipato come sempre oltre 50 persone tra cui anche il nostro Prevosto Don Gianpiero, appassionato di lirica. Partiti da Carate alle 14,30,  lungo il tragitto hanno fatto la classica sosta “godereccia” per gustare pane, salame e vino. L’opera è stata molto emozionante sia per la scenografia che per la bravura degli interpreti.

Il gruppo è poi rientrato in tarda notte a Carate.

 
20190720 ArenaVerona 
     

 

9 giugno 2019. Notte Bianca dello Sport. Carate Brianza.

Postato in Manifestazioni

 

 

9 giugno 2019. Notte Bianca dello Sport. Carate Brianza.

Ieri 9 giugno, dalle 18 alle 23,30 la sezione locale del CAI era presente alla  «Notte bianca dello Sport», momento clou della prima edizione della rassegna «E...state a Carate» che, grazie alla collaborazione tra Amministrazione Comunale e Proloco, vedrà in programma dall’8 al 23 giugno tanti eventi per godersi la città nelle sere d’estate.

Ieri appunto primo momento interessante con diverse associazioni e gruppi sportivi di Carate che all’interno dell’isola pedonale – da via Cusani a via Dante Cesana – hanno potuto coinvolgere i cittadini in varie attività e prove sportive.

Presente anche il nostro gazebo e una parete di arrampicata che ha permesso il divertimento di molti bambini e non solo…

Hanno provato l’ebrezza della scalata anche il Sindaco Luca Veggian, l’Assessore allo Sport Eleonora Frigerio, la responsabile dei Servizi Educativi,Istruzione,Cultura,Sport Luisa Spinelli e molti altri membri della giunta, del consiglio e dell’amministrazione comunale.

 
20190609 NotteSPort7 
    Galleria fotografica 

 

24 febbraio 2019 -Carate per lo Sport

Postato in Manifestazioni

 

24 febbraio 2019 -Festa "Carate per lo Sport"

Una passerella meritata quella di domenica nella sala del Consiglio comunale ricca di soddisfazioni per gli sportivi caratesi, aperta con l’inno di Mameli.
In vetrina atleti e società sportive riuniti tutti insieme in occasione della cerimonia di premiazione dell’evento “Carate per lo Sport”.
E’ un’iniziativa dell’assessore dello sport per essere vicini alle associazioni sportive del territorio e agli atleti.
Tra le società sportive coinvolte, presente anche la sezione del CAI con i fratelli Luca e Matteo Scotti per il loro impegno nell’organizzazione dei vari corsi di arrampicata.

 
Cai1 
   Cai4 Cai3 

6 gennaio 2019. 59° Edizione del Natale Alpino. Mezzoldo in Valbrembana

Postato in Manifestazioni

 

Esattamente venti anni dopo, il CAI di Carate Brianza si è recato a Mezzoldo per la tradizionale manifestazione del Natale Alpino.

Mezzoldo è un piccolo paese in Val Brembana proprio al di sotto del Passo San Marco che conta poco più di 150 abitanti. Malgrado il piccolo nucleo abitativo di questo paesino, la 59° Edizione del Natale Alpino ha avuto un grande successo.

Partiti da Carate in mattinata con un pullman, i partecipanti sono stati accolti a Mezzoldo da un gruppo di organizzatori che ha offerto loro un caldo benvenuto con the e biscotti. Nella sala di accoglienza sia i caratesi che alcuni abitanti del luogo hanno così potuto indossare i vestiti tradizionali del presepe.

Pastorelli, Re Magi, la Sacra Famiglia, donne e uomini in caratteristici costumi hanno iniziato la sfilata in paese. Con loro anche i musicanti con zampogna, piffero e fisarmonica che hanno intonato musiche natalizie.

Lungo il percorso, sono state preparate dai residenti alcune scene rappresentanti le antiche tradizioni del paese, il taglialegna, le filatrici di lana, le lavandaie, il burraio, la vecchia casa cantoniera con allestito al suo interno un presepe. Al termine della sfilata, un piccolo concerto, fatto da un gruppo di uomini con una caratteristica cintura a cui erano appesi campanacci di varie dimensioni. Infine il corteo si è portato alla chiesa per partecipare alla Santa Messa celebrata dal parroco.

Terminata la funzione religiosa, i Re Magi con la Sacra Famiglia si sono recati presso alcuni anziani per portare loro un saluto e un piccolo regalo.

La giornata è poi terminata presso il ristorante dove oltre 70 persone tra caratesi e locali, hanno potuto pranzare gustando tipici prodotti locali. Presenti durante la giornata il Parroco del paese e gli organizzatori della comunità di Mezzoldo oltre alla nostra rappresentanza comunale con il vicesindaco e l’assessore ai servizi sociali.

Il presidente Meregalli Francesco ha quindi concluso con i dovuti ringraziamenti ai partecipanti ma soprattutto agli organizzatori della giornata per l’accoglienza e per l’ottimo allestimento delle postazioni storiche lungo il percorso seguito dal corteo.

In serata il rientro a Carate.

 La Sacra FamigliaI Re Magi e i musicantiIn momento della sfilataI CampanariPostazione lungo il percorso
 

 Vedi filmati della giornata:

Dal nostro socio Giorgio Riva --> Filmato

Dal fotografo di Mezzoldo --> Filmato

Vedi galleria fotografica 

11 novembre 2018. Gita sociale e pranzo a Gromo.

Postato in Manifestazioni

 

11 novembre 2018. Gita sociale e pranzo a Gromo.

Anche quest'anno la locale sezione del Club Alpino Italiano ha organizzato la tradizionale gita sociale-culturale. Gromo, paesino della bergamasca in Valseriana è stato il luogo prescelto.

Il nutrito gruppo di partecipanti è partito in prima mattinata di domenica e ha raggiunto in pullman il piccolo centro abitato.

Malgrado la giornata tipica autunnale con qualche goccia di pioggia, accompagnati da due guide locali, i partecipanti alla gita hanno potuto visitare Gromo, antico borgo rimasto ancora in buona parte incontaminato. Con un susseguirsi di strette stradine,ripidi viottoli e scalinate, il gruppo ha potuto conoscere la storia di un paese diventato famoso per la sua specialità nella costruzione e vendita di spade, lance e alabarde, addirittura esportandole all'estero.  Il giro poi è proseguito visitando i diversi castelli,ville e chiese presenti lungo il percorso.

Al termine della giornata, il meritato pranzo in un caratteristico ristorante locale. In questa particolare giornata, il CAI festeggia i propri soci che hanno compiuto importanti traguardi nel sodalizio. Festeggiati quindi i soci con anzianità di iscrizione alla locale sede.

Per i 25 anni sono stati premiati i soci Longoni Eugenio, Folci Pierina, Giorgi Giancarlo, Mauri Silvia, Sala Roberto, Redaelli Marco, Torrini Francesca, Parravicini Maurizio.

Per l'importante traguardo dei 50 anni di iscrizione, i soci Zinzani Gianfranco, Sironi Carlo e Sala Lino.

Per ultimo i due soci con ben 60 anni di storia CAI alle loro spalle, Galli Bruno e Longoni Angelo.

La premiazione è stata condotta dal Presidente Meregalli Francesco insieme al suo vice Colombo Antonio con la consegna delle pergamene e dei distintivi CAI fatta da alcuni rappresentanti della nostra cittadina. Bagnardi Dino per i Marciacaratesi, Isimbaldi Maura presidente dei commercianti e Coscia Piergiuseppe presidente degli Artigiani. Al termine della cerimonia il gruppo è ripartito con destinazione Carate.

20181111 Pranzo sociale premiati 20181111 Pranzo Sociale gruppo
    Vedi galleria fotografica 

21 luglio.La cultura con il CAI. La "Carmen" all'Arena di Verona

Postato in Manifestazioni

 

21 luglio 2018. La cultura con il CAI. La "Carmen" all'Arena di Verona.

 

Anche quest'anno si è svolta la tradizionale uscita culturale della nostra sezione CAI.

L'opera scelta dagli organizzatori è stata la "Carmen" rappresentata il 21 luglio 2018 sul favoloso palco dell'Arena di Verona. L'opera racconta la storia di una gitana, Carmen,  che fa innamorare di lei il brigadiere Don Josè. La storia vede poi Carmen arrestata e fuggitiva. Si unisce in seguito ai contrabbandieri. Ma il torero Escamillo innamorato della donna la va a cercare invitando tutti alla corrida. Durante la corrida, Don Josè cerca di riprendersi Carmen la quale lo rifiuta e in un impeto di rabbia pugnala la gitana. 

Il numeroso gruppo di 54 partecipanti sono partiti da Carate nel primo pomeriggio di sabato e poco prima di arrivare a Verona ha sostato presso una stazione di servizio per la tradizionale merenda offerta dalla sezione. Pane, salame e buon vino consumati in compagnia prima di ripartire verso l'Arena. Giunti a Verona il gruppo ha visitato la parte storica della città in attesa di entrare in Arena alle 19:00. Il meteo clemente, ha permesso il regolare programma previsto. Solo verso l'inizio del 4° atto, una leggera pioggia ha fatto sospendere e poi fermare la rappresentazione. A parte questo piccolo imprevisto, la serata ha pienamente soddisfatto tutti i partecipanti che alle ore 1:00 di domenica notte si sono diretti verso il pullman che li ha poi riportati a Carate. 

Vi aspettiamo il prossimo anno per una nuova opera.

 

    Filmato della giornata

18 febbraio 2018 -Carate per lo Sport

Postato in Manifestazioni

 

18 febbraio 2018 -Festa "Carate per lo Sport"

Una passerella meritata quella di domenica nella sala del Consiglio comunale ricca di soddisfazioni per gli sportivi caratesi, aperta con l’inno di Mameli.
In vetrina atleti e società sportive riuniti tutti insieme in occasione della cerimonia di premiazione dell’evento “Carate per lo Sport”.
E’ un’iniziativa dell’assessore dello sport per essere vicini alle associazioni sportive del territorio e agli atleti.
Sono stati stanziati più di 11.000 euro per il contributo economico alle società premiate e per ogni atleta segnalato.
A ricevere il riconoscimento pubblico sono state chiamate 14 società sportive e 24 gli atleti premiati.
Coinvolto anche il CAI sezione di Carate con le altlete Chiara Zimbaldi e Alice Barbon per il loro impegno nell’organizzazione dei vari corsi di arrampicata.

 
20180218 CarateSport 
    20180218 CarateSportAtlete 

6 Gennaio 2018. 58° edizione del Natale alpino.

Postato in Manifestazioni

 

6 gennaio 2018. 58° edizione del Natale alpino del CAI Carate Brianza.

La locale sezione del Club Alpino Italiano ha rispettato la tradizione anche quest’anno, organizzando la 58° edizione del Natale Alpino. La manifestazione ha come scopo lo scambio interculturale tra la nostra cittadina e i paesi delle montagne a noi vicine. Le frazioni di Nigola e San Giacomo sono stati i luoghi scelti. Si tratta di due piccole frazioni che fanno parte del conosciuto paese di Teglio in Valtellina. Il gruppo di caratesi è partito in prima mattinata dalla sede CAI anche se il meteo non era purtroppo dei migliori, ma la costanza dei partecipanti è stata premiata. Giunti a Teglio, i partecipanti si sono preparati per la sfilata in costumi caratteristici del presepe vivente. In un paesaggio reso particolarmente suggestivo dalla neve presente sulle montagne e una leggera foschia, i figuranti hanno percorso alcune vie delle due frazioni raggiungendo la chiesa di San Giacomo. Tra le caratteristiche figure del corteo, alcuni personaggi come la Sacra Famiglia rappresentata da una giovane coppia e dalla loro piccola bambina di pochi mesi. In questo scenario erano presenti anche i Magi, i pastori con gli agnelli, uomini e donne con tuniche e vesti legate all’antica tradizione del presepe vivente. Durante la Santa Messa non sono mancati particolari momenti suggestivi come la presentazione dei doni da parte dei Magi e al termine, il tradizionale bacio al Bambin Gesù. Dopo la funzione religiosa, i Magi si sono recati presso gli anziani e disabili, portando loro un piccolo regalo ma soprattutto un caloroso augurio natalizio. È in questa particolare circostanza che prende valore la tradizionale manifestazione del CAI. Un momento di incontro con queste persone che permette uno scambio di emozioni tra i partecipanti e fa capire l’importanza del mantenere ancora vivi certi valori.
Terminate tutte le cerimonie, i caratesi insieme ad un nutrito gruppo di rappresentanti di Nigola e San Giacomo, si sono recati al ristorante per pranzare tutti insieme.
Durante una pausa del pranzo, il sindaco di Teglio Elio Moretti ha ringraziato i partecipanti alla manifestazione e donato ad Antonio Colombo e Francesco Meregalli (rispettivamente Presidente e vice del CAI di Carate Brianza)e all’assessore allo sport e cultura di Carate, Beatrice Rigamonti, un libro con la storia di Teglio e la sua arte. Sono stati fatti i dovuti ringraziamenti a chi ha operato per l’organizzazione, in particolare ad Agnese Besestri, artefice di tutte le manifestazioni legate a Teglio e frazioni. Hanno preso parte all’organizzazione della giornata anche gli Alpini e gli amici degli Alpini, il Comune di Teglio, la Biblioteca “Elisa Branchi”, l’associazione incontri di civiltà, la parrocchia di San Giacomo di Teglio e il Centro Anziani. Ai loro rappresentanti è stato poi consegnato il gagliardetto del CAI.
Il tutto è terminato con la tradizionale lotteria a premi che quest'anno presentava tantissimi regali.

L’appuntamento è per la prossima Epifania nel 2019 con la 59° edizione del Natale Alpino.

4 Natale alpino 2018. Sfilata con i figuranti 
    Galleria fotografica 

22-23-24 Dicembre 2017. Festeggiamenti di Natale

Postato in Manifestazioni

 

22-23-24 Dicembre 2017. Manifestazioni. Festeggiamenti di Natale.

I tradizionali scambi di auguri natalizi, come da tradizione si sono protratti per 3 giorni in 3 diversi luoghi.
Siamo partiti venerdì 22 dicembre presso la nostra sede con un buon bicchiere di vino, una fetta di panettone e la benedizione del prevosto Don Gianpiero. Il presidente Colombo col vice Meregalli, hanno inoltre consegnato distintivo e attestato a 2 soci che hanno festeggiato 25 e 50 anni di iscrizione al sodalizio: Marino Frigerio e Luca Caslini.
Poi Sabato 23, come già da 3 anni, alcuni soci hanno salito in versione "notturna" la ferrata Gamma1 sul Monte Resegone. Una volta giunti in cima ai Piani D'Erna hanno brindato al Natale e al nuovo anno.
Infine la mattina della Vigilia, un gruppo di soci escursionisti è salita in cima alla Grignetta e si sono scambiati gli auguri .

Benedizione Don Gianpiero 
     

12 Novembre 2017. Pranzo Sociale a Cremona.

Postato in Manifestazioni

 

Domenica 12 novembre 2017. Manifestazioni. Pranzo Sociale a Cremona.

Il tradizionale pranzo sociale di quest’anno si è svolto a Cremona e ha visto la partecipazione di una quarantina di persone.
Malgrado un po’ di nebbia, il gruppo ha potuto visitare la bella città partendo dalla Piazza del Comune per entrare poi al Museo del violino per scoprire cinque secoli di liuteria cremonese attraverso un incontro diretto con i grandi Maestri – Amati, Stradivari, Guarneri – e i loro capolavori.
Passando davanti al simbolo della città, il Torrazzo che è la torre in muratura più alta d'Europa, il gruppo ha visitato il Duomo, edificato intorno al 1.100, il cui interno è ricco di affreschi capolavori della pittura lombarda del Rinascimento.
Gli amici del Cai si sono poi diretti a Casalbuttano per il pranzo. In questa occasione si sono ricordati i soci che quest’anno hanno festeggiato i 25, 50 e 60 anni di iscrizione al sodalizio. Presente Romano Nobili, socio da 50 anni, a cui il presidente Colombo col vice Meregalli, hanno consegnato distintivo e attestato. Gli altri anniversari verranno premiati durante la serata dedicata allo scambio di auguri natalizi che si svolgerà presso la sede venerdi 22 dicembre.
Al termine del pranzo il gruppo è risalito sul pullman che li ha poi riportati a Carate in serata.

 
Gruppo pranzo sociale